Sindacato FIRST: più poste, meno banca

(…) Si entrerà ne prossimi giorni nel vivo del rinnovo del contratto dei bancari, una categoria considerata non più la privilegiata di un tempo e il rinnovo farà da apripista alla stagione dei rinnovi contrattuali nazionali di tutti gli altri settori. Dopo l’annuncio “dell’incorporazione” della Dircredito nella Fiba Cisl, il segretario nazionale della Cisl bancari, Giulio Romani, nel tentativo di arginare il crescente malcontento tra iscritti e dirigenti sindacali, ha inviato una lettera aperta a tutti i tesserati, dove ha però volutamente dimenticato di precisare che la nuova organizzazione, la First Cisl, non sarà più un sindacato di categoria, riservato ai lavoratori bancari, ma un sindacato generico dei servizi, dove confluiranno anche gli iscritti Cisl delle poste.

Lo stesso Giulio Romani corre il serio rischio di essere a breve spodestato dal segretario generale della Cisl poste, Mario Petitto, potentissimo dirigente Cisl che può vantare decine di migliaia di iscritti in più rispetto ai bancari. In questo contesto cresce la figura di Agostino Megale, segretario generale della Fisac Cgil. Abile sindacalista e politico, primo sostenitore di Susanna Camusso, insieme al suo consigliere, Enrico Segantini, Megale sta assumendo un ruolo strategico in questo difficile rinnovo.Il contratto dovrà essere rinnovato entro il 31 marzo, pena la sua disapplicazione, ma sono in molti, in Abi,  quelli che pensano che il contratto potrà chiudersi, a fine giugno, solo dopo la successione di Profumo con Lodesani.

Qui tutto l’articolo: VAFFANBANKA! GRANDI MANOVRE TRA I BANCHIERI: PROFUMO LASCIA A GIUGNO MPS E ABI – MONTEPASCHI POTREBBE FINIRE IN MANO A UBIBANCA E PER LA PRESIDENZA È PARTITA LA CORSA, CON BINI SMAGHI (PER ORA) FAVORITO