Meloni sulla norma “anti-personam”

BERLUSCONI, MELONI: SEMBRA TENTATIVO ESECUZIONE IN PIAZZA, CURIOSO AVER PAURA DEL VOTO SEGRETO

31 ottobre 2013. “Al di là del tema del voto palese che non è mai stato utilizzato prima e che sembra ne più ne meno il tentativo di esecuzione in piazza, quello che colpisce e incuriosisce è che coloro che sperano nella decadenza da senatore di Silvio Berlusconi abbiano il problema di non concedere il voto segreto. Se i parlamentari del Pd, di Scelta Civica, del Movimento Cinque Stelle e di Sel sono convinti della giustezza dell’applicazione della legge Severino al caso di Berlusconi non capisco perché non si possa votare col voto segreto.

Ci spieghino di cosa hanno paura esattamente.

Lo ha detto ai microfoni di “Radio Anch’io” il presidente dei deputati di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. “Non so cosa faranno i ministri del PdL. In quel partito stanno venendo al pettine i nodi che per primi abbiamo tentato di segnalare qualche tempo fa. C’è sicuramente un problema di linea politica perché il PdL è un sedicente partito di centrodestra che sta sostenendo un governo che, nei fatti, porta avanti una politica di centrosinistra. Inoltre c’è il problema irrisolto di una classe dirigente che è dipesa esclusivamente dal capo, nella quale convivono persone che non si sono mai misurate col consenso con chi invece lo ha, e qualcuno comincia a porre il problema della selezione.

(Via sito ufficiale FdI)

Primarie? Ho sentito dire ad Alfano che è d’accordo. Speriamo che stavolta tenga il punto fino in fondo perché l’ultima volta non finì molto bene”, ha aggiunto il capogruppo alla Camera di FdI.