#Unicredit vede un 2020 da incubo per l’economia italiana

Ed in fondo sono anche ottimisti…bisognerà capire quanto tempo ci vorrà per debellare gli “untori” in assenza di tamponi a tappeto e soprattutto di un vaccino. E poi bisognerà calcolare l’impatto delle infiltrazioni mafiose nelle aziende e nella gestione dei miliardi per la ripresa….

L’Italia è stato il primo paese dell’Europa ad essere colpito dalla morsa di Covid-19 e le ripercussioni saranno catastrofiche sul PIL a detta degli economisti di Unicredit Research. La stima è infatti di un PIL in crollo verticale del 15% nel 2020, peggio rispetto al -13% stimato per l’intera area euro. Stime che sono ben più severe circa l’impatto del virus sull’economia anche rispetto a quelle di Confindustria che aveva indicato -6% per il PIL 2020.

(…) Il recupero potrebbe già iniziare nella seconda metà dell’anno dopo un primo trimestre che potrebbe segnare -5% su base trimestrale e un secondo trimestre da ben -22% su base trimestrale, in quanto l’intensificazione dello shock dell’offerta si aggiunge allo shock della domanda che ha colpito principalmente i settori dei servizi (ad es. commercio, trasporti e turismo). (…)

Pil e debito Italia, la previsione catastrofica degli economisti di UniCredit. Agenzie di rating cosa faranno?