#Unicredit e #Padoan: il conflitto d’interessi e il futuro che verrà …

Aiuto! Che Mustier volesse scorporare in due soggetti #UniCredit non è un mistero. Già da tempo si vociferava di un trasferimento della sede a Monaco di Baviera per gestire tutta la galassia Unicredit eccezzion fatta per la realtà Italiana che doveva – appunto – essere scorporata e lasciata a sè (o al suo triste destino).

Ora il pericolo è che si ripeta la pessima operazione Capitalia (voluta dall’asse D’Alema-Profumo) o che addirittura si vada ben oltre. Padoan da ministro regalò a Intesa Sanpaolo le migliori “bistecche” di BPVi e Veneto Banca incartate in 4.75 miliardi…. un regalo ad Unicredit significherebbe un costo mostrusoso per la collettività, senza considerare l’elevato costo sociale dovuto ai nuovi esuberi e alla possibilità di permettere a JP Mustier di mettere in atto lo spezzatino che tanto vorrebbe.

Unicredit da banca di sistema e da competitor a livello europeo diventerebbe solo terra di conquista…per i soliti francesi!

(…) L’ex ministro e tutt’ora deputato del Partito Democratico ha già avviato le procedure per rimettere la sua carica parlamentare, ma non è soltanto il seggio a sembrare sconveniente per il suo nuovo incarico. C’è intanto la sensazione che le informazioni in possesso del membro della Commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione della Camera possano favorire Unicredit a svantaggio degli altri competitor nel settore bancario.

Appena entrato in ballo, Padoan avrà probabilmente già scritta in cima al suo carnet la conclusione della vicenda Montepaschi, ma non solo. Business Insider Italia ha già dato conto della più vasta partitura nella quale inserire il ruolo di Padoan: il possibile scorporo della stessa Unicredit in due soggetti, e l’eventualità di una fusione con BNP Paribas. (…)

Tratto da: La nomina di Padoan mette in luce le lacune della legge italiana sul conflitto di interesse

Leggi anche:

Villarosa: no a Padoan in Unicredit! Ma cda coopta chi vuole ed è meglio Padoan presidente “in … Vicenza Più