Abi non accetta di prendere lezioni sul sistema bancario italiano.

E’ chiaro: siamo benissimo capaci di farci del male da soli. Stiamo così bene che l’agenzia di rating Fitch si è detta ancora preoccupata dalle sofferenze tanto da aspettaresi nuovi  aumenti di capitale o fusioni in vista. Persino in America (teoricamente in ripresa già dal 2009) c’è chi è ancora scettico e preoccupato per un sistema finanziario che non si è rinnovato ne tantomeno assoggettato a regole e controlli e si aspetta già la prossima crisi( Follow where it has flowed from (the banking sector and individual consumers) and where it has gone to (China and corporations) and you’ll see a trail that may well lead to the next financial crisis.)

 

(…) “il comparto bancario in Italia è quello che si è ristrutturato di più rispetto al passato decennio. Sono insopportabili le lezioni di coloro che vogliono insegnarci quello che dovremmo fare e che, invece, abbiamo già fatto e questo riguarda anche i crediti deteriorati”. (

Abi non accetta di prendere lezioni sul sistema bancario italiano.

Immagine: giphy.com